Massimo D'Addezio

Barman e Patron dei locali Co.So. e Chorus di Roma

Bartender di fama nazionale con grande tecnica e spiccata creatività, il cui destino era segnato sin dall'inizio: nonni e genitori nel mondo della ristorazione, prima in Italia e poi in Canada, dove Massimo è nato. Qualche anno a far teatro di strada finché, quasi per caso, ha messo il naso nel bicchiere. Da allora non ha mai smesso di degustare, viaggiare e studiare. Poi il '99, l'anno della svolta, con l'apertura di un nuovo albergo, e la proposta di avviarne bar e cocktail bar. Dal 2002 al 2013 è a capo dello Stravinskij, l'American Bar dell'Hotel De Russie in Roma, diventato in poco tempo uno dei primi bar cosmopoliti della Capitale. Molti i premi e i riconoscimenti: nel 2006 lo Stravinskij Bar viene premiato come miglior Hotel Bar d'Europa, nel 2008 Massimo è stato premiato da Havana Club come miglior Bar Manager d'Italia nella guida dei ristoranti dell'Espresso, nel 2009 riceve a Las Vegas il premio di Virtuoso Travel come Best Hotel Bar in the World. E dal 2005 a oggi è presente sulla guida Bar d'Italia del Gambero Rosso come uno dei migliori barman in Italia. Dopo l'esperienza decennale allo Stravinskij Bar, Massimo non si ferma: nel dicembre 2013 apre a Roma nel quartiere Pigneto Co.So., un cocktail bar d’eccellenza. Nel 2015 si lancia nell'avventura di Chorus Cafè, un elegante locale all’interno dell’Auditorium di via della Conciliazione. E nel 2016 diventa il protagonista della trasmissione di Gambero Rosso Channel Spirits, i maestri del cocktail. Senza però montarsi la testa. D'Addezio è (e rimarrà) un creativo, un degustatore esperto, un viaggiatore instancabile, un abile interprete, un professionista consapevole, un saggio giramondo chiamato barman.